Ricerca per parola chiave

Una web radio multiculturale, che coinvolge giovani migranti e italiani. Alta frequenza – La radio che accorcia le distanze è un progetto promosso da Mosaico di solidarietà onlus con l'obiettivo di rendere protagonisti i giovani presenti sul territorio metropolitano di Bologna, in particolare migranti: rifugiati, richiedenti asilo, minori non accompagnati, seconde generazioni.
Alta frequenza dà voce alle storie, alle idee e alle opinioni di questi ragazzi, provenienti da vari Paesi, fra cui Gambia, Senegal, Nigeria e Pakistan.
Il progetto, nato da un'idea di Caterina Pisto e promosso in collaborazione con la cooperativa Arca di Noè e altre realtà, è partito ad aprile 2016. Una ventina i ragazzi che partecipano alla programmazione, tutti tra i 17 e i 25 anni.
La radio, si legge nella pagina Facebook del progetto, si propone come «mezzo per comunicare e valorizzare i saperi e i talenti che gli immigrati hanno ma che spesso non emergono», «luogo aperto alla condivisione di conoscenze e di esperienze, di relazione e di confronto», «spazio privilegiato di accoglienza, attenzione e ascolto».
Nei mesi scorsi i ragazzi di Alta frequenza hanno partecipato a vari eventi, come il Festival del turismo responsabile e sostenibile It.a.cà, il Festival Wislawa Szymborska e il Festival Porte Aperte.