Ricerca per parola chiave

Si è svolta ieri, a Roma, la riunione d'insediamento dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza, ricostituito con decreto del ministro per gli affari regionali e le autonomie con delega alle politiche per la famiglia Enrico Costa e del ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti.
La riunione, convocata dai due ministri firmatari del decreto del 24 marzo scorso e ospitata dalla Sala Conferenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha rappresentato, di fatto, il primo momento di confronto sulle future sfide per le politiche in favore dei bambini e degli adolescenti in Italia.
L'Osservatorio, istituito dalla legge 451/1997 e regolato dal decreto del Presidente della Repubblica 14 maggio 2007 n. 103, coordina amministrazioni centrali, Regioni, enti locali, associazioni, ordini professionali e organizzazioni non governative che si occupano di infanzia e ha il compito di predisporre documenti strategici inerenti l'infanzia e l'adolescenza: il Piano nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva, la Relazione biennale sulla condizione dell'infanzia in Italia e sull'attuazione dei relativi diritti, lo schema del Rapporto del Governo all'Onu sull'applicazione della Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo del 1989.
Nell'incontro di ieri i componenti del nuovo Osservatorio hanno discusso sul V-VI Rapporto alle Nazioni Unite sullo stato di attuazione della Convenzione sui diritti del fanciullo in Italia e sul monitoraggio del IV Piano di azione per l'infanzia e l'adolescenza.

 

(Crediti foto: Monica Matteuzzi)