Regione Marche

 normativa regione

  • L.R. 13 maggio 2003, n. 9 Disciplina per la realizzazione e gestione dei servizi per l'infanzia, per l'adolescenza e per il sostegno alle funzioni genitoriali e alle famiglie e modifica della Legge regionale 12 aprile 1995, n. 46 concernente: "Promozione e coordinamento delle politiche di intervento in favore dei giovani e degli adolescenti".
  • Reg. Regionale 22 dicembre 2004, n. 13 Requisiti e modalità per l'autorizzazione e l'accreditamento dei servizi per l'infanzia, per l'adolescenza e per il sostegno alle funzioni genitoriali e alle famiglie di cui alla L.R. 13 maggio 2003, n. 9.
  • Reg. Regionale 28 luglio 2008, n. 1 Modifiche al regolamento regionale 22 dicembre 2004, n. 13 "Requisiti e modalità per l'autorizzazione e l'accreditamento dei servizi per l'infanzia, per l'adolescenza e per il sostegno alle funzioni genitoriali e alle famiglie di cui alla legge regionale 13 maggio 2003, n. 9”.
  • D.G.R. 24 maggio 2011, n. 722 Delib.G.R. n. 1107/2010. Approvazione "Modello di Agrinido di Qualità” della Regione Marche.
  • D.G.R. 9 luglio 2012, n. 1038 Disciplina del servizio sperimentale “Nidi domiciliari ai sensi della L.R. n. 9/2003, art. 2, comma 1, lettera c)” e determinazione dei criteri e delle modalità per la corresponsione dei contributi alle famiglie che usufruiscono del Servizio, a valere sulla quota del fondo statale per le politiche della famiglia, di cui all'intesa  Stato-Regioni del 7 ottobre 2010, pari ad euro 1.250.000,00.

 

 tipologie e gestione dei servizi

Tipologie di servizi: L.R. 9/2003, art. 6, comma 2.

Nidi d’infanzia: L.R. 9/2003, art. 7, comma 1.

Centri per l’infanzia: L.R. 9/2003, art. 7, comma 2.

Spazi per bambini, bambine e per famiglie: L.R. 9/2003, art. 7, comma 3.

Nidi domiciliari:  L.R. 9/2003, art. 2, comma1D.G.R. 1038/2012.

 

Direzione e gestione dei servizi

La legge regionale 9/2003 stabilisce che i servizi possono essere gestiti dai Comuni, anche in forma associata, o da altri soggetti pubblici o privatiautorizzati: L.R. 9/2003, art. 8.

 

 operatori dei servizi

Personale impegnato all’interno dei servizi: L.R. 9/2003, art. 12; Reg. Region. 13/2004, Tit. I, capo III, art. 13.

Titoli di studio per educatore: Reg. Region. 13/2004, Tit. I, capo III, art. 14, come modificato da Reg. region. 1/2008.

Titoli di studio per coordinatore pedagogico: Reg. Region. 13/2004, Tit. I, capo III, art. 15, come modificato da Reg. region. 1/2008.

Titoli degli addetti ai servizi: Reg. Region. 13/2004, Tit. I, capo III, art. 16.

Titoli per operatore/trice domiciliare: Delib.G.R. 1038/2012, allegato C.

  

Formazione permanente del personale

Il regolamento regionale 13/2004 non prevede un articolo espressamente dedicato alla formazione in servizio degli educatori, tuttavia ne prevede la necessità e l’organizzazione:  Reg. region. 13/2004, Tit. I, capo III, art. 13, comma 2; art. 15, comma 3.

  

norme comuni ai servizi

Coordinamento pedagogico

La Regione prevede un coordinamento di sistema dei servizi a livello di ambito:

Reg. region. 13/2004, Tit. I, capo III, art. 15.

 

Accoglienza bambini disabili

Nella legge non c’è un titolo espressamende dedicato all’accogliena dei bambini disabili, tuttavia si dice che “i Comuni possono prevedere la collaborazione con le Aziende USL per progetti educativi e di sviluppo psicofisico dei bambini e delle bambine, che promuovano e facilitino l'inserimento di quelli in condizione di disabilità o in condizioni di disagio e difficoltà […]”

L.R. 9/2003, art. 7, comma 1; art. 16, comma 2.

 

Sistema informativo

La regione ha un sistema informativo che si lega al Centro regionale di cementazione e analisi per l’infanzia, l’adolescenza e i giovani. La raccolta dei dati è gestita direttamente dalla Regione attraverso il Portale dedicato con un sistema di accessi con autenticazione tramite password e un sistema piramidale di validazione dei dati. Le unità di offerta private immettono autonomamente i dati nel Portale.

L.R. 9/2003, art. 5.

 

Autorizzazione al funzionamento, Accreditamento e Vigilanza

Autorizzazione al funzionamento

L.R. 9/2003, art. 14; Reg. region. 13/2004, Tit. III, artt. 21 e 22.

Accreditamento

L.R. 9/2003, art. 15; Reg. region. 13/2004, Tit. III, art. 23.

Vigilanza

L.R. 9/2003, art. 17.

 

requisiti strutturali e organizzativi

NIDO  D'INFANZIA

 

REQUISITO

RIFERIMENTO NORMATIVO
Standard di sicurezza

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 2 commi 3 e 4

Ubicazione

L.R. 9/2003, art. 9

Spazi interni

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 3, commi 3, 4, 5, 6

Spazi esterni

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 3, commi 7, 8, 9

mq. per bambino

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 3, comma 2

Ricettività Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo II, art. 8 comma 5
Ricettivita' e mq. per bambino micro-nido

Non indicato

Calendario

Non indicato

Orario di apertura

Non indicato

Rapporto numerico educatore/bambini

L.R. 9/2003, art. 11, comma 2; Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo II, art. 8 comma 5

Organizzazione dei gruppi di bambini

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo II, art. 8, commi 1 e 2.

Personale operante nel servizio

L.R. 9/2003, art. 12; Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo III, artt. 13, 14, 15, 16

Partecipazione delle famiglie Non indicato

 

 

 

 

 

SERVIZI INTEGRATIVI

 
CENTRI PER L'INFANZIA  

REQUISITO

RIFERIMENTO NORMATIVO
Standard di sicurezza

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 2, commi 3 e 4.

Ubicazione

L.R. 9/2003, art. 9

Spazi interni

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 4, commi 3, 4, 5

Spazi esterni

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 4, commi 6 e 7

mq. per bambino

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 4, comma 2

Ricettività

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 9, comma 2

Calendario Non indicato
Orario di apertura Non indicato
Rapporto numerico educatore/bambini

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 9, comma 2

Organizzazione dei gruppi di bambini

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 9, comma 1

Personale operante nel servizio L.R. 9/2003, art. 12; Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo III, artt. 13, 14, 15, 16
Partecipazione delle famiglie Non indicato

 

 

 

 

 

SPAZI PER BAMBINI, BAMBINE E FAMIGLIE

REQUISITO

RIFERIMENTO NORMATIVO
Standard di sicurezza

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 2, commi 3 e 4

Ubicazione

L.R. 9/2003, art. 9

Spazi interni

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 5, commi 3, 4, 5

Spazi esterni

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 5, comma 6

mq. per bambino

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo I, art. 5, comma 2

Ricettività Non indicato
Calendario Non indicato
Orario di apertura Non indicato
Rapporto numerico educatore/bambini Non indicato
Organizzazione dei gruppi di bambini

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo II, art. 10, comma 1

Personale operante nel servizio

L.R. 9/2003, art. 12; Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo III, artt. 13, 14, 15, 16

Partecipazione delle famiglie

Reg. reg. 13/2004, Tit. I, capo II, art. 10, comma 1

 
nido DOMICLIARE

REQUISITO

RIFERIMENTO NORMATIVO
Standard di sicurezza

Delib.G.R. 1038/2012, allegato A

Ubicazione

Delib.G.R. 1038/2012, allegato A

Spazi interni

Delib.G.R. 1038/2012, allegato A

Spazi esterni

Delib.G.R. 1038/2012,allegato A, lett. f)

mq. per bambino

Delib.G.R. 1038/2012,allegato A, lett. b)

Ricettività Delib.G.R. 1038/2012, allegato B
Calendario Delib.G.R. 1038/2012, allegato B
Orario di apertura Delib.G.R. 1038/2012, allegato B
Rapporto numerico educatore/bambini Non indicato
Organizzazione dei gruppi di bambini

Non indicato

Personale operante nel servizio

Delib.G.R. 1038/2012, allegato C

Partecipazione delle famiglie

Delib.G.R. 1038/2012, allegato B

N.B.   La Regione Marche, con D.G.R. 722/2011, norma gli Agrinido i quali, rientrando nella più ampia categoria del nido d’infanzia, rispondono ai requisiti strutturali e organizzativi richiesti per il nido e previsti da L.R. n. 9/2003 e Reg. Reg. n. 13/2004