Ricerca per parola chiave

Cambiano i criteri per il conseguimento dei crediti da parte degli studenti delle scuole secondarie superiori: a stabilirlo è il decreto ministeriale 16 dicembre 2009 n. 99, che prevede una media di voti più alta per conseguire il credito massimo che gli studenti possono ottenere prima degli esami di maturità.

Il nuovo provvedimento (“Criteri per l’attribuzione della lode nei corsi di studio di istruzione secondaria superiore e tabelle di attribuzione del credito scolastico”) modifica le tabelle di attribuzione dei crediti scolastici allegate al decreto ministeriale 22 maggio 2007 n. 42.

Mentre quest'ultimo prevedeva una media di voti tra l'otto e il dieci per arrivare a venticinque - il credito massimo che gli studenti possono vantare prima degli esami di maturità, credito che si può sommare ai quarantacinque punti conseguibili con uno scritto esemplare e ai trenta dell'orale - secondo i criteri stabiliti con il nuovo decreto soltanto una media tra il nove e il dieci negli ultimi tre anni potrà consentire il raggiungimento del credito massimo.

Per aspirare a ottenere cento punti e un'eventuale lode, quindi, occorrerà una media più alta. Il recente decreto stabilisce anche i criteri per l'attribuzione della lode, con cui – recita l'articolo 2 - «la commissione di esame attesta il conseguimento di risultati di eccellenza negli ultimi tre anni del percorso scolastico e nelle prove d'esame».

La nuova ripartizione dei punteggi del credito scolastico, indicata nelle tabelle allegate al decreto n. 99, si applica già agli studenti che frequentano il terzo anno dell'attuale anno scolastico. Il secondo comma dell'articolo 1 dello stesso decreto chiarisce che «nell'anno scolastico 2010/2011, l'applicazione si estenderà agli studenti della penultima classe e nell'anno scolastico 2011/2012 riguarderà anche quelli dell'ultima classe». Chi conseguirà il diploma nel 2010 e nel 2011, invece, seguirà i vecchi criteri. (bg)

(Crediti foto)