Ricerca per parola chiave

Una rilevazione on line rivolta ai ragazzi dai 15 ai 25 anni sui temi della cittadinanza e della partecipazione. È partita il 3 febbraio, promosso da Arciragazzi nazionale e finanziata dal Dipartimento della gioventù e si articolerà in una fase a campione “chiuso” e una invece aperta alla partecipazione di tutti.

Si chiama FTP, Forme in Trasformazione della Partecipazione, e rientra nel progetto di Arciragazzi Giovani cittadini per la Costituzione. L'ha realizzata lo studio Cevas ed è supervisionata da un Comitato scientifico di cui fanno parte referenti del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, docenti universitari, esponenti dell'associazionismo e del terzo settore.

L'obiettivo è quello di riuscire a contattare attraverso siti, mailing list e link su Facebook, circa 2500 giovani tra i 15 e i 25 anni. La “macchina” è già in moto: nelle prime tre settimane circa 600 ragazzi e ragazze da tutte le regioni d’Italia hanno compilato in modo completo il questionario on line. Sono arrivati al questionario attraverso una delle due modalità di rilevazione scelte: la prima basata su un campione ‘chiuso’ di giovani che vengono invitati tramite e-mail personalizzata e la seconda invece aperta e anonima, disponibile online a questo indirizzo:  http://partecipazione.limequery.org/96343/lang-it (il link può essere condiviso sui siti istituzionali e di soggetti del terzo settore o privati o condiviso su Facebook).

Come scrivono i promotori, «l'indagine FTP intende studiare le relazioni tra i processi partecipativi e la propensione ad assumere forme di responsabilità e impegno civico, sviluppare atteggiamenti attivi e propositivi nei confronti del futuro. I contenuti trattati nel questionario riguardano il tipo e la qualità delle pratiche di partecipazione sperimentate nei diversi ambiti le opportunità offerte ai giovani in un’ottica di capacitazioni (capabilities nel linguaggio di Amartya Sen), il nesso tra queste e alcune competenze psicosociali (le life skills). che sono alla base del benessere più complessivo delle persone, e le propensioni nei confronti dell’impegno politico. Si prenderanno in considerazione l’utilizzo dei nuovi media e i contesti in cui le pratiche di partecipazione si apprendono e concretizzano: la famiglia, la scuola, le associazioni e reti associative, i gruppi di pari e la comunità locale più ampia». Particolare attenzione è riservata anche alle nuove forme di partecipazione nate con l'uso del web2.0 e dei social media.

Chi compila il questionario potrà concorrere al concorso a premi indetto da Arciragazzi nell'ambito del Festival dei Giovani che si svolgerà a Terni nel mese di Maggio. I primi dati relativi alle frequenze di adesione delle diverse realtà regionali, età e sesso, sono via via aggiornati e scaricabili dal sito www.cevas.it/report-ricerca-valutazione mentre a metà aprile vi sarà la premiazione delle frasi più significative sul tema della partecipazione inviateci dai giovani e giudicate da una commissione di giovani di Arciragazzi provenienti da diverse regioni.
 

Foto: crediti.