Ricerca per parola chiave

A Palermo istituzioni diverse si uniscono per rafforzare l'impegno comune nella tutela dei bambini e degli adolescenti che subiscono abusi e maltrattamenti. Una novità importante, che prende forma grazie al Protocollo di intesa per la presa in carico interistituzionale dei minori vittime di abuso e maltrattamento in città, siglato il 15 gennaio scorso tra il Comune di Palermo, l'Azienda sanitaria provinciale (Asp) e l'Ufficio scolastico regionale per la Sicilia.

Secondo quanto definito nel documento, le funzioni di sostegno, cura e tutela dei minori che subiscono maltrattamenti o violenze saranno gestite congiuntamente da équipe territoriali interistituzionali e multidisciplinari, composte da assistenti sociali, neuropsichiatri infantili, psicologi e operatori psicopedagogici.

Tutti gli interventi, si legge nel sito del Comune, «saranno condivisi con il Tribunale per creare le necessarie connessioni tra il percorso giudiziario e l'operatività dei servizi».

«Con questo protocollo di intesa - ha detto il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando in occasione della firma del documento - nasce, finalmente, dopo tanti anni, una rete volta alla cura e alla tutela dei minori vittime di abusi e maltrattamenti: avrà un'efficace articolazione sul territorio, un assistente sociale del Comune presso ognuna delle otto circoscrizioni comunali, una struttura centrale di coordinamento di questo servizio, in stretto collegamento con l'Ufficio scolastico regionale e con l'Asp, competente per la parte sanitaria».

La struttura di coordinamento prevista dal protocollo si occuperà di mantenere uno stretto raccordo tra i servizi interistituzionali e le autorità giudiziarie.

(Crediti foto)