Ricerca per parola chiave

Qual è la situazione attuale degli studenti stranieri? Come promuovere la loro integrazione nelle scuole? Il convegno nazionale Prove di futuro. Integrazione, cittadinanza, seconde generazioni, in programma a Piacenza il 13 e 14 settembre, metterà a confronto rappresentanti istituzionali, esperti, docenti e referenti di associazioni sui percorsi formativi delle seconde generazioni, la questione della cittadinanza e i tanti altri aspetti legati ai temi dell'intercultura e dell'integrazione scolastica dei giovani stranieri.

Il convegno - organizzato dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale per l'Emilia Romagna, l'Ufficio scolastico territoriale di Piacenza e altre realtà – è rivolto, in particolare, ai dirigenti e agli insegnanti di tutti gli ordini scolastici e ai referenti di enti locali e associazioni.

La prima giornata è articolata in una sessione plenaria dedicata all'approfondimento delle principali questioni al centro del convegno, che si terrà la mattina, e in sei sessioni tematiche parallele, in programma nel pomeriggio. Nel corso della plenaria interverranno anche Cécile Kyenge, ministro per l'integrazione con delega alle politiche giovanili e Marco Rossi Doria, sottosegretario del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca.

Questi gli argomenti delle sei sessioni pomeridiane: La cittadinanza s'impara da piccoli, Esiti e percorsi scolastici degli studenti di seconda generazione: criticità e successi, La peer education nelle scuole multiculturali, La cittadinanza: modelli a confronto, in Italia e in Europa, Il ruolo degli enti locali, dell'associazionismo, del volontariato e Adolescenti, affettività, disagio.

Il convegno offrirà l'occasione anche per presentare progetti e ricerche sui temi dell'intercultura e dell'integrazione. Durante la prima sessione tematica Adriana Ciampa, dirigente della Divisione III – Politiche per l'infanzia e l'adolescenza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e Maria Teresa Tagliaventi, docente all'Università di Bologna, illustreranno il Progetto nazionale per l'inclusione e l'integrazione dei  bambini rom, sinti e caminanti promosso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali con la collaborazione del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca.

Al progetto - presentato il 9 settembre, all'Istituto degli Innocenti di Firenze, in occasione del primo seminario di formazione rivolto agli operatori, ai dirigenti scolastici, agli insegnanti e ad altre figure professionali coinvolte nell'iniziativa - è dedicata una sezione di questo sito.

La giornata di sabato 14 prevede la restituzione dei lavori delle sessioni parallele e una tavola rotonda conclusiva a cui prenderà parte Maria Cecilia Guerra, viceministro al lavoro e alle politiche sociali con delega alle pari opportunità. (bg)