Ricerca per parola chiave

La legge 285/1997 (art. 1, comma 2) garantisce una quota riservata dei fondi stanziati per le politiche per l'infanzia e l'adolescenza alle cosiddette Città riservatarie vale a dire 15 grandi città metropolitane: Bari, Bologna, Brindisi, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Taranto, Torino, Venezia. Questi Enti locali costituiscono una sorta di “nucleo fondante” per le politiche della legge 285 e rappresentano anche un piccolo “laboratorio” di sperimentazione in materia di infanzia e adolescenza. Con il contributo del Centro nazionale, le Città mantengono una rete di relazione e di collaborazione stabile, al fine di scambiare esperienze, informazioni e metodologie di progettazione.

 

A tale scopo è stata predisposta un'area riservata cui le Città possono accedere inserendo username e password.

 

ACCEDI AREA RISERVATA Città riservatarie >>