Ricerca per parola chiave

È dedicata al tema della povertà minorile la conferenza in programma il prossimo 15 novembre a Roma (Camera dei deputati, Nuova aula dei gruppi parlamentari, via di Campo Marzio 74). La giornata di studio, organizzata dalla Fondazione L’albero della vita insieme a Human Foundation e altri partner, si concentrerà sulle caratteristiche e le condizioni necessarie al metodo di aiuto fondato sulla relazione con la persona previsto anche dal Reddito di inclusione approvato di recente (prima misura unica nazionale di contrasto alla povertà che si basa sul principio dell’inclusione attiva e dunque prevede, oltre al beneficio economico, un progetto personalizzato condiviso con i servizi territoriali, che accompagni il nucleo familiare verso l'autonomia).
«Di fronte agli allarmanti dati in crescita di povertà assoluta dei minorenni – si spiega nella presentazione – è rilevante e necessario ripartire da una definizione di bisogno del bambino per essere capaci di rispondervi adeguatamente e favorire l’attuazione delle politiche di lotta alle povertà dell’infanzia e delle loro famiglie».
I lavori della mattina prevedono i saluti istituzionali e, a seguire, due sessioni, dedicate all’approfondimento di due temi cardine: Ripartire da loro. Bambini al centro e Una misura universale che sceglie di iniziare dalle famiglie con i bambini. Obiettivi, metodo e sue implicazioni.
Durante i lavori pomeridiani i relatori si soffermeranno su altri aspetti: Il ruolo del secondo welfare nella lotta alle povertà e nella promozione di benessere per l’infanzia e la famiglia e Ripartire da una definizione di bisogno che riscriva le regole dell’aiuto, per favorire l’attuazione delle politiche di lotta alle povertà dell’infanzia.
Alla conferenza, intitolata Italia: poveri bambini, interverranno, fra gli altri: Sandra Zampa, vicepresidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza; Roberto Rossini, portavoce dell’Alleanza contro la povertà; Filomena Albano, Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza.