Ricerca per parola chiave

Il prossimo 5 maggio si celebra la Giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia, istituita dalla legge 4 maggio 2009 n. 41. Un momento importante per riflettere sulle strategie più efficaci per prevenire e combattere un fenomeno spesso sommerso.
In occasione della Giornata istituzioni e associazioni promuovono convegni, incontri e altri eventi per sensibilizzare sul tema. Telefono Azzurro onlus, per esempio, organizza la conferenza Abuso sessuale e pedofilia: conoscere il fenomeno per rompere il silenzio, che si svolgerà il 5 maggio a Roma, dalle 9.30 alle 13.00, nella Sala del Tempio di Adriano della Camera di Commercio (piazza di Pietra).
«Di frequente – spiega la onlus - non vengono garantiti adeguati standard di qualità e protezione, anche all’interno delle realtà comunitarie e di aggregazione, le quali possono configurarsi come terreni fertili per abusi sessuali e violenza, anziché come garanzia dei diritti dei più piccoli. È esplicita la necessità di un monitoraggio costante e adeguato di fenomeni e trend, la definizione di strategie e azioni di prevenzione, interventi e prese in carico multidisciplinari, efficaci, virtuose e sostenibili, nell’auspicabile e urgente consolidamento di reti di saperi condivisi e collaborazioni sinergiche e concrete sull’intero territorio nazionale».
Recentemente Telefono Azzurro ha siglato un protocollo d’intesa con il Ministero della salute che definisce le linee guida per la promozione e la tutela dell’integrità psicofisica dei bambini. Il documento prevede l’impegno delle parti a collaborare per raggiungere vari obiettivi, fra i quali quelli di sviluppare una maggiore consapevolezza sui temi della violenza e dello sfruttamento e combattere il fenomeno dell’abuso sui minorenni a più livelli, coinvolgendo servizi e realtà attivi in ambito sanitario su tutto il territorio nazionale.
Il 6 maggio, alle 12.00, l’Associazione Meter onlus organizza un raduno a Roma (piazza S. Pietro), nell’ambito della 22esima edizione della Giornata bambini vittime della violenza, dello sfruttamento e dell’indifferenza contro la pedofilia. Evento che punta a far riflettere sulla condizione dell’infanzia, a sensibilizzare la società civile e le comunità ecclesiali sulla pedofilia e la pornografia infantile e a incoraggiare a perseverare con tenacia nella lotta contro gli abusi sui più piccoli.

(Crediti foto)