Ricerca per parola chiave

Inizierà il 13 aprile, a Vicenza (Cooperativa Insieme, via della Scola 255), il secondo corso di formazione del progetto Terreferme, rivolto a famiglie, cittadini e operatori interessati ad approfondire il tema dell’affido familiare di minorenni stranieri non accompagnati.
Il progetto, promosso dal Coordinamento nazionale comunità di accoglienza (Cnca) e dall’Unicef, prevede 50 percorsi di affido di bambini e ragazzi stranieri soli ospiti delle strutture di prima accoglienza di Palermo, che verranno accolti in famiglie affidatarie in Veneto e in Lombardia.
«I ragazzi – si spiega nella presentazione – verranno abbinati alle famiglie, formate e selezionate dagli operatori Cnca della Lombardia e del Veneto in collaborazione con i servizi e gli operatori pubblici preposti. In accordo con Ministero dell’Interno, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Anci, i comuni di residenza delle famiglie accoglienti prenderanno in carico il minore (accedendo ai fondi ministeriali) e metteranno a disposizione i presidi necessari all’inclusione (istruzione, salute, lavoro). Il progetto Cnca Unicef, in collaborazione con i servizi competenti, affiancherà la famiglia e il minore accolto, attraverso operatori professionali e le reti di famiglie, supportando il percorso, sia nella relazione famiglia-minore-istituzioni che negli aspetti più educativi di accompagnamento all’autonomia».
Il primo incontro del corso di formazione affronterà il tema delle migrazioni internazionali e offrirà un quadro generale sul progetto, mentre i due appuntamenti successivi  (27 aprile e 11 maggio) approfondiranno l’istituto dell’affido familiare. L’ultimo incontro (25 maggio) darà spazio al racconto e alle testimonianze dei protagonisti dell’accoglienza (famiglie, ragazzi e operatori).
Il programma è disponibile al link http://www.cnca.it/comunicazioni/news/3294-veneto-aperte-le-iscrizioni-al-secondo-corso-del-progetto-terreferme.